La «Politica Agricola 2020» (PA 22+) indebolisce l’agricoltura

Dichiarazione dell’Associazione svizzera dell’industria e dell’agricoltura (SVIL) sul messaggio del Consiglio federale sulla politica agricola 2020 (PA 22+) del 13 febbraio 2020

Secondo la Costituzione, la politica agricola deve garantire la sicurezza alimentare nel costoso ambiente svizzero attraverso il so-stegno del reddito e alla protezione delle frontiere. Il messaggio non precisa in che modo anche in futuro le differenze dei costi e dei prezzi continueranno ad essere mantenute a favore dell’agricoltura.
Sempre più sovente il Consiglio federale cerca invece di delegare questo compito all’agricoltura stessa, esigendo che:

«L’industria agroalimentare dovrebbe:

  • aumentare il valore aggiunto sul mercato,
  • aumentare l’efficienza operativa, e
  • ridurre ulteriormente l’inquinamento ambientale e il consumo di risorse non rinnovabili».

La questione principale della sicurezza alimentare menzionata all’inizio resta all’o-scuro e si trasforma addirittura nell’opposto del mandato costituzionale:

  • trasferimento della creazione di valore in nicchie redditizie e nella lavorazione e nei servizi a scapito dell’effettiva produzione alimentare;1
  • intensificazione e razionalizzazione della produzione rimanente su terreni sempre meno coltivati nell’ambiente ad alto costo e ad alto salario della Svizzera dai 10 milioni di abitanti;
  • riduzione della produzione totale a favore dell’«ambiente» e riduzione dei ricavi della produzione.

Inoltre, non sarà possibile compensare le differenze di costi e di prezzi nei confronti delle importazioni e di compensare con gli stessi soldi ulteriori «servizi a favore dell’ambiente» e «la riduzione» della produzione e del reddito.
La PA 22+ continua senza discussione il cambio di direzione iniziato con la PA 14-17, che è quello di estendere l’agricoltura e di spingerla nelle nicchie della città-Stato svizzera. Tuttavia, nell’autunno del 2017, l’80% dell’elettorato ha votato a favore dell’iniziativa dell’Unione dei contadini per la sicurezza alimentare. Il Consiglio federale ha voluto ignorarlo nella sua allora controversa «visione d’insieme» del novembre 2017, ma non ebbe successo. Due iniziative (acqua potabile e pesticidi, giugno 2018) provengono invece dagli stessi circoli che hanno sostenuto la PA 14-17 e si sono opposti all’iniziativa dell’Unione dei contadini. Queste due iniziative accusano l’agricoltura di essere la sola responsabile dell’impatto sull’ambiente dovuto allo sfruttamento sempre più intenso dell’area complessiva situata tra il lago Lemano e quello di Costanza. Perciò l’agricoltura deve essere utilizzata come «risorsa di spazio» per la compensazione ecologica della città-Stato. Nelle iniziative per l›acqua potabile e per la protezione delle piante, i pagamenti diretti vengono sottratti e legati a esigenze di tolleranza zero. La PA 22+ re-spinge questa richiesta estrema di entrambe le iniziative. Tuttavia, è necessario vedere la connessione: finora, i servizi di conservazione del paesaggio forniti dall’agricoltura sono stati un ulteriore argomento a favore del necessario sostegno al reddito in seguito alla riduzione dei prezzi alla produzione indotta dall’Organizzazione mondiale del Commercio (OMC). Dalla PA 14-17 in poi e ora anche con la PA 22+, i conflitti metabolici2 derivanti dall’adattamento della produzione di calorie a una popolazione che esplode in uno spazio limitato, sono attribuiti esclusivamente all’agricoltura. La PA 22+ chiede agli agricoltori di fornire più servizi ecologici e di limitare la produzione, il che in ultima analisi si traduce in più lavoro e minor reddito. Il fatto che in questa situazione la PA 22+ riduca di 100 milioni di franchi il quadro dei pagamenti diretti è un chiaro richiamo all’intenzione politica della PA 22+: contrariamente al mandato costituzionale, i pagamenti diretti come sostegno al reddito per la produzione alimentare saranno aboliti e saranno ora pagati solo per i «servizi del sistema ambientale». Abbiamo già criticato questa appropriazione indebita di pagamenti diretti nella PA 14-17. Questo vale anche per la PA 22+.
Anche se la PA 22+ non sostiene le due iniziative, questo uso incostituzionale dei pagamenti diretti rimane la nostra principale critica al PA 22+.
L’allentamento del diritto fondiario, l’ammorbidimento del mercato fondiario separato, l’aumento della tassazione delle case coloniche, l’ostruzione della pianificazione territoriale delle aree di insediamento rurale, il sacrificio delle aree di rotazione delle colture a favore della conservazione del paesaggio, ecc. tutto questo conferma che la PA 22+ vuole indebolire l’agricoltura, vista come limitazione della città-Stato in crescita e subordinarla a questo processo di crescita con gli slogan comuni di più mercato e più ecologia.
I sussidi per l’industria agricola e alimentare devono fornire chiari incentivi per garantire la nostra sicurezza alimentare nell’isola ad alto prezzo della Svizzera, mantenendo al contempo gli standard desiderati per l’alimentazione e le risorse naturali necessarie. Questo è l’unico modo per garantire che le preoccupazioni ecologiche delle iniziative sopra menzionate non conducano a ripiegare sulle importazioni.

Hans Bieri, 17 febbraio 2020

Per ulteriori informazioni si prega di contattare Hans Bieri, Tel.: 079 432 43 52

1  Le nicchie redditizie comprendono, ad esempio, l’agriturismo o la lavorazione dei propri prodotti e la gestione di negozi agricoli. Questo, tuttavia, sposta l’attività dell’agricoltore dalla produzione primaria (seminativi, cereali, ortaggi, frutta, carne e latticini) al settore dei servizi.
2  Conflitti metabolici: Durante l‘estrazione di risorse naturali, ma anche attraverso altre attività umane (grandi città, ecc.), si introducono sempre anche sostanze nella natura. Ciò include tra l’altro l‘applicazione di pesticidi e fertilizzanti. Meno attenzione viene prestata al problema dell‘aumento delle acque reflue in vista dell‘aumento della popolazione, compresi i residui di medicinali e preparati ormonali, droghe, ecc., così come tutto ciò che rimane sulle linee ferroviarie e sui bordi delle strade e nell’acqua (ad es. plastica), che lascia tracce anche nel terreno.

(Traduzione Discorso libero)

 

Il nostro sito web utilizza i cookie per permetterci di migliorare continuamente la pagina e ottimizzare la vostra esperienza di utenti. Proseguendo nella lettura di questo sito web, accettate l’utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni sui cookie sono consultabili nella nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.


Se volete impedire la creazione dei cookie ad es. attraverso Google Analytics, potete modificare le impostazioni attraverso questo add-on del browser.