Pediatri tedeschi mettono in guardia contro smartphone e tablet

gl. L’Associazione professionale dei medici tedeschi per l’infanzia e l’adolescenza (Berufsverband der Deutschen Kinder- und Jugendärtzte BVKJ) mette urgentemente in guardia contro l’uso troppo frequente e precoce degli smartphone da parte di bambini e adolescenti. In un’intervista alla «Neue Osnabrücker Zeitung», il presidente Thomas Fischbach ha spiegato che pediatri e medici per adolescenti constatano con orrore che i bambini chini sugli smartphone o sui tablet hanno sempre meno anni. «I genitori non insegnano più ai loro figli a giocare o a svolgere attività sensate, ma parcheggiano i loro figli davanti a questi apparecchi». Si tratta di «una tendenza terribile con conseguenze catastrofiche per lo sviluppo dei bambini». I bambini più piccoli sono già condizionati alla sazietà permanente dello stimolo. Questo è anche uno dei motivi per cui i bambini soffrono sempre di più di mancanza di concentrazione. «Neanche i migliori cervelli sono capaci di assorbire il costante bombardamento dei media. E quanto più alto è il consumo di media, tanto più debole è il rendimento scolastico – lo dimostrano numerosi studi.
Il pediatra consiglia ai genitori di prendere sul serio la loro missione educativa. La regola di base è: niente cellulare prima di undici anni! E non deve essere necessariamente un telefono cellulare compatibile con internet. È spaventoso quanto i genitori siano imprudenti nei confronti dell›uso di internet da parte dei loro figli. Questa è un›ingenuità fatale. La miglior cosa per i bambini è rimandare l’uso dello smartphone il più a lungo possibile.
Alla domanda per quante ore fosse possibile fare giochi elettronici senza pericoli, il dott. Fischbach ha fatto notare che sarebbe diventato pericoloso non appena i bambini non si incontrano più con gli amici, non fanno più sport e trascorrono il loro tempo libero quasi esclusivamente con i media. Due ore al giorno sono sufficienti. Se si nota che il comportamento nei confronti dei media domina la vita quotidiana, i genitori devono assolutamente intervenire.
Secondo nuovi studi, in Svizzera i giovani nel tempo libero passano in media quattro ore al giorno online. Nei fine settimana, secondo i giovani, questo può durare fino a otto ore al giorno. Per la vita reale non rimane molto tempo. Cosa significhi per lo sviluppo personale di un giovane probabilmente può essere valutato solo a lungo termine.                                     •

Fonte: Neue Osnabrücker Zeitung del 30 ottobre 2019

(Traduzione Discorso libero)

Il nostro sito web utilizza i cookie per permetterci di migliorare continuamente la pagina e ottimizzare la vostra esperienza di utenti. Proseguendo nella lettura di questo sito web, accettate l’utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni sui cookie sono consultabili nella nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.


Se volete impedire la creazione dei cookie ad es. attraverso Google Analytics, potete modificare le impostazioni attraverso questo add-on del browser.