100 anni di relazioni diplomatiche tra la Svizzera e l’Iran

I buoni uffici della Svizzera si basano sulla fiducia reciproca e servono la pace

di Marianne Wüthrich, dott. in diritto

Le buone relazioni tra l’Iran e la Svizzera esistono da molto tempo. La Persia e la Svizzera hanno concluso un trattato di amicizia e di commercio già nel XIX secolo (1873). Nel 1920 la Svizzera aprì la sua ambasciata a Teheran. All’inizio di settembre si è svolta a Teheran una celebrazione in occasione della centesima presenza diplomatica della Svizzera.

Per l’occasione il consigliere federale Ignazio Cassis, in qualità di capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), dal 5 al 7 settembre 2020 ha visitato l’Iran, accompagnato dalla consigliera nazionale Tiana Angelina Moser, presidente della Commissione della politica estera del Consiglio nazionale, e dal consigliere agli Stati Thomas Minder, presidente della Commissione della politica di sicurezza e membro della Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati. L’agenda di Cassis prevedeva incontri con il presidente iraniano Hassan Rohani e il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif. Il consigliere federale ha parlato anche con i rappresentanti delle imprese svizzere, della comunità scientifica e del settore sanitario. Tra i temi discussi figurano il canale di finanziamento svizzero per l’esportazione di beni umanitari in Iran (SHTA), gli attuali sviluppi dell’accordo nucleare e la situazione in Medio Oriente. Un posto speciale è stato assegnato ai mandati assunti dalla Svizzera per diversi Paesi in quanto a potenza protettrice nel contesto di una politica dei buoni uffici.1

Un rapporto basato sulla fiducia è fondamentale

L’ambasciatore svizzero in Iran, Markus Leitner, ha elogiato la celebrazione del centenario come espressione delle buone relazioni tra i due Paesi: «Sebbene i nostri Paesi siano geograficamente molto distanti, nel corso dei decenni hanno sviluppato una cooperazione molto intensa e frequenti scambi, in circostanze talvolta difficili. Lo trovo straordinario». Oggi la Svizzera e l’Iran lavorano insieme in diversi settori: dalla politica, all’economia, alla finanza, al commercio, all’agricoltura, alla cultura, all’istruzione e alla ricerca, alla migrazione e ai diritti umani. L’ambasciatore Leitner ha detto: «Lo scambio e il lavoro tra i due Paesi è aumentato. In questa parte del mondo, un rapporto basato sulla fiducia è di centrale importanza».2
  Il consigliere federale Ignazio Cassis ha la sensibilità indispensabile nella difficile situazione politica globale dell’Iran. Ad esempio, prima degli incontri ufficiali a Teheran ha partecipato a un programma turistico a Isfahan e ha incontrato iraniani attivi nel commercio, negli affari e nella cultura. Conoscere il Paese lo aiuta a stabilire un rapporto personale, ha detto Cassis. Questa è stata la chiave per garantire che fossero ascoltati anche i commenti critici. Dopo l’incontro con il ministro degli Esteri iraniano, durato più del previsto, Cassis ha dichiarato: «In diplomazia, ogni minuto è un indicatore di qualità. In questo modo dimostrate alla controparte l’importanza che attribuite alle vostre relazioni».3

Excursus: sanzioni statunitensi e diritti umani in contrasto con il diritto internazionale

«Quando noi parlamentari svizzeri ci rechiamo in un Paese come l’Iran, dove i diritti umani non vengono rispettati, è nostro dovere sollevare la questione», ha dichiarato Tiana Angelina Moser, consigliera nazionale verde-liberale che si era recata a Teheran con il consigliere federale Cassis. La libertà di espressione non vi è garantita e anche i diritti delle donne sono fortemente limitati. Alcuni, secondo la corrispondente della NZZLarissa Rhyn, hanno addirittura chiesto che la Svizzera ufficiale si astenga dal visitare l’Iran a causa della difficile situazione dei diritti umani in quel Paese. Il consigliere federale Cassis ha invece affrontato il problema in modo più pertinente. Ha consegnato una lista di violazioni dei diritti umani al suo omologo, il Ministro degli Esteri Zarif, e ha commentato: «Se riusciamo a risolvere anche due casi su venti, abbiamo già ottenuto molto».4
  Chiunque parli di violazioni dei diritti umani in relazione all’attuale situazione dello Stato iraniano e della sua popolazione deve anche affrontare la questione di quanto drasticamente le sanzioni del governo statunitense, che violano il diritto internazionale, colpiscano la popolazione civile. L’accesso dei popoli ad un’alimentazione sufficiente e ad un’assistenza sanitaria adeguata è uno dei diritti umani più importanti. Questo è messo in forse dalle sanzioni.
  Un breve sguardo al passato: sebbene la leadership iraniana, sotto la pressione degli Stati Uniti e dei suoi alleati, avesse accettato di limitare il proprio programma nucleare, il governo statunitense si è ritirato unilateralmente dal trattato nucleare del 2018, «contro lo spirito dell’accordo nucleare»(!).5 Dal maggio 2018 gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contrarie al diritto internazionale. Soprattutto, bloccano la più importante fonte di reddito dell’Iran, l’esportazione di petrolio, e mettono le imprese che commerciano con l’Iran sulla lista nera. I beni umanitari come i medicinali e il cibo ne sono in realtà esclusi, ma la maggior parte delle aziende e delle banche hanno paura delle liste nere di Washington. A pagarne il prezzo è la popolazione: i salari perdono valore e i prezzi aumentano. La pandemia del Coronavirus aggrava la situazione. Sebbene l’Alta Commissaria per i diritti umani, Michelle Bachelet, nel marzo di quest’anno abbia chiesto la fine delle sanzioni per consentire la consegna di attrezzature mediche urgentemente necessarie all’Iran, gli Stati Uniti si rifiutano di accedere a questa richiesta.6
  Vale la pena di notare che il presidente Trump ha mantenuto la sua promessa elettorale di non iniziare nuove guerre per quel che concerne l’Iran. Dopo che nel gennaio di quest’anno il generale iraniano Kassem Soleimani è stato ucciso da un attacco di droni americani, l’Iran pochi giorni più tardi ha bombardato una base militare statunitense in Iraq, causando molti morti e feriti. Con grande sollievo del popolo iraniano e della comunità internazionale, Donald Trump si è astenuto da una risposta militare.

Le buone relazioni tra la Svizzera e gli Stati implicati come apriporta: l’esempio SHTA

L’imparzialità della Svizzera è di grande importanza per la capacità di offrire i suoi buoni uffici e di fornire aiuto umanitario in tutto il mondo. Rompere i contatti con un governo in qualche parte del mondo perché viola lo stato di diritto o i principi democratici non sarebbe di grande aiuto per la popolazione di questi paesi.
  Per questo motivo la Svizzera in stretta collaborazione con le autorità competenti degli Stati Uniti e dell’Iran nonché con alcune banche e aziende svizzere ha potuto istituire l’«Accordo commerciale umanitario svizzero» (Swiss Humanitarian Trade Arrangement/SHTA). Si tratta di un canale di pagamento per mezzo delle banche svizzere per le società commerciali con sede in Svizzera che esportano in Iran beni umanitari come materie prime agricole, generi alimentari, medicinali e attrezzature mediche. Il Dipartimento del Tesoro statunitense assicura alle banche coinvolte che le transazioni finanziarie possano essere gestite in conformità alla legislazione statunitense – o, per essere più chiari, che le società esportatrici non vengano inserite nella lista nera. La Seco (Segreteria di Stato dell’economia) controlla il corretto svolgimento di tutte le attività della SHTA. Il 27 gennaio 2020 è stato effettuato come test un primo pagamento per la fornitura di farmaci antitumorali.7 Il 4 settembre il portale iraniano online «ParsToday» ha reso omaggio al «canale umanitario» che «dovrebbe aiutare Teheran a mitigare le conseguenze delle sanzioni americane» e ha potuto segnalare: «Le autorità svizzere sono riuscite a realizzare una prima transazione ufficiale nell’ambito della SHTA alla fine di luglio 2020».8
  Questo contributo all’approvvigionamento della popolazione iraniana con prodotti di prima necessità è in linea con la tradizione umanitaria svizzera.

I mandati di potenza protettrice svizzera – più di un semplice servizio di portalettere

La Svizzera rappresenta gli interessi degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran dal 1980, ossia da quando i due Stati hanno interrotto le relazioni diplomatiche dopo la destituzione dello scià, che era strettamente legato agli Stati Uniti, e la presa del potere da parte dell’Ayatollah Ruhollah Khomeiny. La Svizzera rappresenta anche gli interessi iraniani in Egitto e in Canada, nonché gli interessi reciproci di Iran e Arabia Saudita, Russia e Georgia. Sul sito internet del DFAE si legge: «La protezione degli interessi esteri fa parte dei ‹buoni uffici› della Svizzera. Dopo il ‹periodo di massimo splendore› durante la seconda guerra mondiale, la Svizzera detiene ora sette mandati come potenza protettrice. In questa funzione la Svizzera assume una parte dei compiti consolari e/o diplomatici quando due Stati interrompono in tutto o in parte le loro relazioni. Grazie al potere protettore, gli Stati possono mantenere relazioni minime e concedere la protezione consolare ai cittadini dell’altro Stato».9
  Nell’ambasciata svizzera a Teheran, ad esempio, è stata creata una «Sezione interessi esteri» per fornire servizi consolari ai cittadini statunitensi che vivono o si recano in Iran. I collaboratori dell’ambasciata svizzera, ad esempio, richiedono passaporti americani presso l’ambasciata americana a Berna, registrano le nascite, i matrimoni e i decessi e inoltrano alle autorità statunitensi le richieste di documenti di sicurezza sociale o di prestazioni pensionistiche. Se i governi americano e iraniano desiderano comunicare tra di loro, lo fanno in forma cifrata tramite l’Ambasciata svizzera.10
  Il fatto che i mandati di protezione siano spesso chiamati «servizi di portalettere» non rende loro giustizia. I servizi di assistenza, silenziosi e poco appariscenti, sono una parte importante dei buoni uffici, insieme all’assistenza mediatica per le trattative o nel caso di scambi di prigionieri.

I negoziati nella Ginevra internazionale come prospettiva per il futuro

Tuttavia, come cittadino svizzero, si può certamente puntare a obiettivi più ambiziosi, come ha fatto il membro del Consiglio degli Stati Thomas Minder dopo il suo ritorno da Teheran. Il 7 settembre, nel corso di un colloquio con il governo iraniano, il consigliere federale Ignazio Cassis e l’ambasciatore Markus Leitner «hanno presentato idee su come la Svizzera possa salvaguardare la comunicazione tra gli Stati Uniti e l’Iran». Cassis ha aggiunto che comunque la Svizzera non stabilisce mai l’agenda tra Stati Uniti e Iran, può solo «influenzarla lievemente».11
  In un’intervista con swissinfo, il membro del Consiglio degli Stati Minder ha affermato che il ruolo di mediatore della Svizzera nella regione potrebbe essere ampliato: «si discute, c’è una manifesta volontà, ma ci vorrebbe un po’ più di coraggio per portare l’Iran e gli USA al tavolo delle negoziazioni, servirebbe più proattività»12   •


1  «Il consigliere federale Ignazio Cassis si reca a Teheran». Comunicato stampa del Consiglio federale del 1.9.2020
2  Leitner, Markus. «Svizzera e Iran: Paesi tradizionali con un forte orientamento al futuro». Dipartimento federale degli affari esteri DFAE del 7.9.2020
3  Rhyn, Larissa. «Il ministro degli esteri Ignazio Cassis in missione delicata a Teheran», in: Neue Zürcher Zeitung dell’8.9.2020
4  Rhyn, Larissa. «Il ministro degli Esteri Ignazio Cassis in missione delicata a Teheran», in: Neue Zürcher Zeitung dell’8.9.2020
5  «Coronavirus e le sanzioni. L’Iran ha bisogno di aiuto, gli Stati Uniti stanno bloccando». Torsten Teichmann, ARD dal 31.3.2020
6  «Coronavirus e le sanzioni. L’Iran ha bisogno di aiuto, gli Stati Uniti stanno bloccando». Torsten Teichmann, ARD dal 31.3.2020
7  «Meccanismo di pagamento per le forniture umanitarie all’Iran che sta per essere attuato». Comunicato stampa del Consiglio federale del 30.1.2020
8  «Zarif riceve il 7 settembre il ministro degli esteri svizzero per i 100 anni di relazioni diplomatiche», in: Press TV/ParsToday deutsch del 4.9.2020
9  Dipartimento federale degli affari esteri DFAE. Mandati di protezione
10  www.eda.admin.ch. Ambasciata di Svizzera - Sezione interessi esteri Teheran
11  Rhyn, Larissa. «Il ministro degli Esteri Ignazio Cassis in missione delicata a Teheran», in: Neue Zürcher Zeitung dell’8.9.2020
12  Rigendinger, Balz. «Perché ‹Genève Internationale› se giochiamo solo portalettere?», in: swiss-info dell’8.9.2020

(Traduzione Discorso libero)

Il nostro sito web utilizza i cookie per permetterci di migliorare continuamente la pagina e ottimizzare la vostra esperienza di utenti. Proseguendo nella lettura di questo sito web, accettate l’utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni sui cookie sono consultabili nella nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.


Se volete impedire la creazione dei cookie ad es. attraverso Google Analytics, potete modificare le impostazioni attraverso questo add-on del browser.