Tutti i bambini desiderano un mondo senza guerra nucleare

di Nicole Duprat, collaboratrice del giornale "Horizons et débats"

Dedicato a coloro,
che sono sopravvissuti al bombardamento
Solo per vivere nella paura costante
A causa dei rischi dovuti
alle radiazioni
Possano le anime dei defunti
riposare in pace
Possano coloro che sono ancora vivi e sofferenti
divenire fari di luce intensa
permettendo all’umanità
di riconoscere la natura maligna delle
armi nucleari

L’appello globale ai governi dei 9 Stati dotati di armi atomiche ha il merito di dimostrarci che Hiroshima e Nagasaki non appartengono al passato. Le armi nucleari sono attualmente al centro dell’attualità, sia a livello nazionale che internazionale. Questa attualità sottolinea il fatto che le armi nucleari sono ancora uno degli strumenti di potere sviluppati da alcuni Stati, nonostante il peso crescente dei movimenti antinucleari nel mondo e la richiesta sempre più forte di un mondo senza armi nucleari.
  Hiroshima e Nagasaki hanno impresso nella nostra memoria la crudeltà dell’uso delle armi nucleari. I luoghi polverizzati dal fuoco nucleare saranno per sempre testimonianza della politica mortale e deliberata del presidente Truman e dei suoi consiglieri, che hanno cercato di vincere la guerra usando la bomba.
  Queste due bombe nucleari erano spaventose armi da guerra, in grado di causare una distruzione colossale senza precedenti. Le sindromi acute di radiazioni possono portare alla morte in poche settimane, o no.
  75 anni dopo i bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki, l’ombra della guerra nucleare incombe ancora su di noi, nonostante gli orrori che queste città hanno subito. Ancora oggi, nessuna città è preparata alle conseguenze di un’esplosione di una bomba atomica, e nessuna nazione può farvi fronte.
  In un certo senso, Hiroshima e Nagasaki illustrano l’angolo morto del diritto penale internazionale creato dai grandi processi di Norimberga. In un conflitto armato, i crimini di guerra e i crimini contro l’umanità commessi dai vincitori restano impuniti.
  Il Trattato Start per la riduzione delle armi nucleari tra la Russia e gli Stati Uniti scade nel 2021 se le due potenze non riescono a trovare un accordo sul suo rinnovo.
  Diamo il benvenuto all’azione dei «Sindaci per la Pace», un gruppo di sindaci di tutto il mondo il cui programma fu lanciato il 24 giugno 1982, in occasione della Sessione speciale dell’ONU sul disarmo, dall’allora sindaco di Hiroshima, Takeshi Araki, presto affiancato dal suo omologo, il sindaco di Nagasaki Yoshitake Morotani, per promuovere la solidarietà tra le città di tutto il mondo sulla via dell’eliminazione delle armi nucleari. Non esiste una guerra giusta, e nelle guerre sono sempre gli innocenti a pagare.
  Secondo il Ministero della Salute, in Giappone sono stati contati 134’700 «hibakusha». Un termine che letteralmente significa «persone che soffrono per la bomba», cioè persone che sono state irradiate. L’età media di chi è ancora vivo oggi è di poco più di 83 anni. E molti erano neonati o ancora nel grembo materno. La tortura fisica e morale di molti hibakusha è durata tutta la vita. Molti di loro hanno sofferto a lungo e sono stati discriminati, soprattutto per quanto riguarda il matrimonio. «Per noi sopravvissuti, un matrimonio o una nascita non è un evento gioioso, ma una fonte di paura. Temiamo ancora le conseguenze delle bombe sui nostri figli e nipoti». Dobbiamo accettare con grande benevolenza e con grande rispetto la loro richiesta di abolire le armi nucleari e di raggiungere la pace nel mondo.
  Le fotografie negli archivi del Museo della Pace di Hiroshima illustrano l’entità della devastazione causata dalle armi nucleari e il prezzo pagato dalla popolazione civile, principale vittima di questa furia omicida. Il cenotafio, la cui forma ricorda le vecchie case di fango giapponesi, è stato realizzato per proteggere le anime delle vittime dal vento e dalla pioggia. Contiene i nomi di tutte le vittime del bombardamento ed è stato costruito dall’architetto Tange Kenzo; lì brucia una fiamma di pace, destinata a restare accesa finché ci saranno armi nucleari, con la scritta: «Riposa in pace, non ripeteremo gli errori del& passato», dove il «noi» si riferisce a tutta l’umanità.
  Nel corso del mio lavoro di insegnante, in collaborazione con l’Alliance française de Tokyo, ho accolto una giovane giapponese, Yoriko, che era venuta a imparare il francese nelle scuole della Francia. Avevamo accettato di parlare con gli studenti durante un workshop di Origami di questo tragico evento, usando parole adatte alla loro età e alla loro comprensione. In un laboratorio di Origami, vengono realizzate gru (Orizuru), simboli di longevità. La tecnica Origami è una tecnica di piegatura nota ai bambini giapponesi. I miei studenti si sono avvicinati all’arte della piegatura con molta diligenza, precisione e sentimento. Abbiamo mostrato loro un poster della statua dei bambini colpiti dalla bomba, e soprattutto Sadako Sasaki. Questa bambina è morta di leucemia, che aveva contratto a causa dell’esposizione alle radiazioni causate dall’esplosione. Sadako è diventata un simbolo di pace grazie alle numerose gru di carta che ha realizzato durante la sua malattia. Infatti, una leggenda giapponese dice: «Chiunque pieghi 1000 gru di carta collegate fra di loro può vedere realizzato il suo più ardente desiderio di salute, lunga vita, amore e felicità». Sadako voleva vivere, ha piegato gru di carta per tutto il tempo che ha potuto. Morì il 25 ottobre 1955 all’età di 12 anni. Fu sepolta con una ghirlanda di 1000 gru.
  La storia di Sadako ha avuto una profonda influenza sui suoi amici e sulla sua classe. Nel libro per bambini Sadako piega 644 gru e come omaggio alla giovane Sadako, che credeva di potersi riprendere, i suoi compagni di scuola hanno ripiegato le 356 gru mancanti.1 La sua storia ha trasformato la gru di carta in un simbolo di pace. È raccontata nel libro «Sadako e le mille gru di carta» di Eleanor Coerr nel 1977 ed è stata tradotta in diverse lingue. Gli amici hanno continuato a fare Origami per raccogliere fondi per le scuole giapponesi e per far erigere una statua in onore di Sadako e di tutti i bambini colpiti dalla bomba. È la statua di una bambina che tiene tra le braccia alzate un’enorme gru dorata a forma di Origami. L’inaugurazione avvenne la sera della festa dei bambini il 5 maggio 1958. La sua base reca l’iscrizione: «Questo è il nostro appello. Questa è la nostra preghiera. Per la costruzione della pace nel mondo».
  Da allora, questa statua è stata costantemente decorata con migliaia di ghirlande di gru di carta fatte da bambini di tutto il mondo (compresi i 30 studenti della mia classe la cui ghirlanda Yoriko ha portato con sé quando tornata a casa). Tutti i bambini hanno lo stesso desiderio: un mondo senza guerra nucleare.  •



1  Anche se il numero di gru piegate da Sadako nei libri per bambini e ragazzi nel senso della leggenda rimane inferiore a 1000, sebbene ne avesse piegati ben oltre 1000, in realtà sono stati i compagni di classe di Sadako a dare l‘impulso per un monumento per la pace e ad avviare una colletta. Fu inaugurato nel 1958.

(Traduzione Discorso libero)

Gru di carta (pensieri della madre)

Più la malattia peggiorava, più perdeva la sua mobilità, più piccole erano le gru che Sadako piegava. Anche se tutto il suo corpo era gonfio, gonfio fino alla punta delle dita, anche se deve aver visto di peggio, ha piegato con cura le sue piccole gru con l’aiuto di un ago – come una persona che annega stringendo una cannuccia.

(Sasaki, Masahiro. Meine kleine Schwester Sadako (La mia sorellina Sadako), p. 96)

Ricordi del fratello

Mia sorella aveva infilato tutte le mille gru su un lungo filo, affinché il filo di seta della vita non si spezzasse. Il suo desiderio non si è mai avverato.
  Oh, voi mille gru! Perché non avete cantato? Perché non siete volate?
  Dico a una delle mille gru: stai sempre con mia sorella e proteggila. Prenditi cura di lei per noi. E quando è felice, alza le ali verso il cielo.
  Quando il numero di gru ha raggiunto il numero di milleseicento, il suo corpo si era già visibilmente indebolito.

(Sasaki, Masahiro. Meine kleine Schwester Sadako (Mia sorella minore Sadako), p. 98)

Il nostro sito web utilizza i cookie per permetterci di migliorare continuamente la pagina e ottimizzare la vostra esperienza di utenti. Proseguendo nella lettura di questo sito web, accettate l’utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni sui cookie sono consultabili nella nostra dichiarazione sulla protezione dei dati.


Se volete impedire la creazione dei cookie ad es. attraverso Google Analytics, potete modificare le impostazioni attraverso questo add-on del browser.